Blog

La parola fragile ha come etimologia l’aggettivo latino fragilis, che a sua volta viene ripreso dal verbo: infrangere, rompere, fracassare.

In questa sezione del sito troverai solo parole che si sforzano di seguire accuratamente l’arte dell’essere spezzati, dell’essere dilaniati, dell’essere indebolitiavviliti, in definitiva, vinti.

È un’arte complessa, che necessita molto allenamento e una pazienza estrema. È un’arte che da tutta questa fragilità non trae violenza, rabbia, distruzione, ma narrativa, scrittura, storie.

Benvenuto all’interno della sezione blog.

173105027_10223208742840989_3234611883030997770_n

Il senso di una fine

Quanto è sempre stata dolorosa per me la fine. Un senso di vuoto, di cristallizzazione di una situazione pregressa che resterà immutata, una perdita di tempo. Un dolore grande doversi…
photo5918172511495894986

Zone di rischio

Sono stato per un anno quattro mesi e otto giorni in zona bianca. Un bianco che è arrivato per salvarmi dalla zona nera. Un bianco contenuto ordinato e composto in…
WhatsApp Image 2021-01-20 at 14.27.19 (1)

Diario di una supplenza elementare

Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo. Maria Montessori Gennaio 2021 Giovedì…
Sfondo libri

Archivio delle letture 2021

Questo articolo ospita l’archivio di tutte le mie letture fatte nel 2021, divise per genere. Di fianco a ogni titolo troverete una mia personalissima e sintetica valutazione numerica. Le sezioni…
WhatsApp-Image-2020-12-01-at-10.28.38

Talee da me stesso

Con le piante ho cominciato quest’anno. Non ho mai avuto il pollice verde, e tutto è iniziato un po’ per caso anche grazie al tempo vuoto del confinamento. Con la…
WhatsApp-Image-2020-10-27-at-12.51.55

Parole contro la paura

Dal vetro della teca nella quale sono rinchiuso da sempre osservo il mondo che mi circonda e ho paura. È la prima emozione che arriva. È la prima che registro.…
Mattia Tortelli – Pagine Fragili

Il disturbo mentale si cura

Un mese fa scrivevo un post sui miei canali social che faceva discutere: sebbene nascesse dalla convinzione che il dolore riconosce e nel dolore ci si riconosca, non tutti sono…
Instagram
Facebook
Lego ergo sum
#sulmiocomodino

Condividi con:


Lascia un commento